Benvenuto nel portale del comune di Candiolo - clicca per andare alla home page
cerca nel sito
motore di ricerca
scritto da candiolo  13/06/2016

deliberazione Giunta Comunale n. 38/2013 prime misure in materia di prevenzione alla corruzione

 

decreto del Sindaco di nomina del  Segretario comunale quale responsabile della prevenzione della corruzione 

 

decreto del Sindaco di nomina del Segretario comunale quale responsabile della trasparenza 

 

Piano triennale di prevenzione alla corruzione 2014-2016 approvato con deliberazione Giunta Comunale n. 10  del 30.01.2014 

 

AVVISO PUBBLICO PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE ALLA CORRUZIONE 2014-2016 - AGGIORNAMENTO ANNO 2015

modulo per segnalazioni

Relazione  prevista dall’art. 1, comma 14, della legge n. 190/2012 e dal Piano Nazionale Anticorruzione (paragrafo 3.1.1., p.30) sull’efficacia delle misure di prevenzione definite dai Piani triennali di prevenzione della corruzione, da pubblicarsi entro il 31.12.2014

CIRCOLARE applicazione dell’art. 53-ter, del Decreto Legislativo n. 165/2001. Legge n. 190 /2012- Codice Comportamento .Attività di vigilanza e monitoraggio 

L. 6 novembre 2012, n. 190

Disposizioni per la prevenzione e la repressione della corruzione e dell'illegalità nella pubblica amministrazione.

art. 1 comma 16

16. Fermo restando quanto stabilito nell'articolo 53 del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, come da ultimo modificato dal comma 42 del presente articolo, nell'articolo 54 del codice dell'amministrazione digitale, di cui al decreto legislativo 7 marzo 2005, n. 82, e successive modificazioni, nell'articolo 21 della legge 18 giugno 2009, n. 69, e successive modificazioni, e nell'articolo 11 del decreto legislativo 27 ottobre 2009, n. 150, le pubbliche amministrazioni assicurano i livelli essenziali di cui al comma 15 del presente articolo con particolare riferimento ai procedimenti di:

a) autorizzazione o concessione;

b) scelta del contraente per l'affidamento di lavori, forniture e servizi, anche con riferimento alla modalità di selezione prescelta ai sensi del codice dei contratti pubblici relativi a lavori, servizi e forniture, di cui al decreto legislativo 12 aprile 2006, n. 163;

c) concessione ed erogazione di sovvenzioni, contributi, sussidi, ausili finanziari, nonché attribuzione di vantaggi economici di qualunque genere a persone ed enti pubblici e privati;

d) concorsi e prove selettive per l'assunzione del personale e progressioni di carriera di cui all'articolo 24 del citato decreto legislativo n. 150 del 2009.

art. 1 comma 32

32. Con riferimento ai procedimenti di cui al comma 16, lettera b), del presente articolo, le stazioni appaltanti sono in ogni caso tenute a pubblicare nei propri siti web istituzionali: la struttura proponente; l'oggetto del bando; l'elenco degli operatori invitati a presentare offerte; l'aggiudicatario; l'importo di aggiudicazione; i tempi di completamento dell'opera, servizio o fornitura; l'importo delle somme liquidate. Entro il 31 gennaio di ogni anno, tali informazioni, relativamente all'anno precedente, sono pubblicate in tabelle riassuntive rese liberamente scaricabili in un formato digitale standard aperto che consenta di analizzare e rielaborare, anche a fini statistici, i dati informatici. Le amministrazioni trasmettono in formato digitale tali informazioni all'Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture, che le pubblica nel proprio sito web in una sezione liberamente consultabile da tutti i cittadini, catalogate in base alla tipologia di stazione appaltante e per regione. L'Autorità individua con propria deliberazione le informazioni rilevanti e le relative modalità di trasmissione. Entro il 30 aprile di ciascun anno, l'Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture trasmette alla Corte dei conti l'elenco delle amministrazioni che hanno omesso di trasmettere e pubblicare, in tutto o in parte, le informazioni di cui al presente comma in formato digitale standard aperto. Si applica l'articolo 6, comma 11, del codice di cui al decreto legislativo 12 aprile 2006, n. 163

 

 

 

pubblicazione anno 2012 

 

 

 

 

 

 

Comune di Candiolo : Via Ugo Foscolo 4    telefono : 011.9934800    fax : 011.9621108    P.E.C. : comune.candiolo.to@cert.legalmail.it    email : segreteria@comune.candiolo.torino.it    P.IVA : 01717430019
Logo attestante il superamento, ai sensi della Legge n. 4/2004, della verifica tecnica di accessibilità.
Leggibilità
Visualizza il testo con caratteri normali  Visualizza il testo con caratteri grandi  Visualizza il testo con contrasto elevato
Portale internet realizzato da Progetti di Impresa Srl - Copyright © 2009