OBBLIGHI DI PULIZIA E MANUTENZIONE DI RIPE, FOSSI E CANALI - ** COMUNE DI CANDIOLO (TO) **

archivio notizie - ** COMUNE DI CANDIOLO (TO) **

OBBLIGHI DI PULIZIA E MANUTENZIONE DI RIPE, FOSSI E CANALI

 
OBBLIGHI DI PULIZIA E MANUTENZIONE DI RIPE, FOSSI E CANALI
In alcuni tratti di strade pubbliche o di uso pubblico, il transito risulta talvolta insicuro a causa della vegetazione (rami, arbusti, ecc.) che dalle proprietà private si protendono sulla carreggiata, compromettendo la visibilità e la sicurezza. Analogamente in diversi fossi privati, limitrofi alle strade, lo scorrimento dell’acqua piovana e irrigua avviene con difficoltà a causa dell’intasamento degli stessi. In occasione di violenti nubifragi si é constatato che il riversarsi in modo cospicuo di acque meteoriche provenienti da strade laterali è causa di potenziale pregiudizio alla sicurezza della circolazione dei veicoli. A fronte di tale condizione il 02/03/17 e il 24/09/18 sono state emanate rispettivamente l'ordinanza n. 6 e l'ordinanza n. 29 che dispongono a tutti i proprietari e/o conduttori dei fondi di provvedere immediatamente: • Al taglio delle erbacce, dei rovi, degli arbusti, dei rami che si protendono oltre il confine stradale e che: 1) nascondono la segnaletica o che ne compromettono la leggibilità’ dalla distanza e dalla angolazione necessaria, 2) restringono/danneggiano le strade o interferiscano in qualsiasi modo con la corretta fruibilità' e funzionalità' delle strade;• Alla regolare potatura e manutenzione delle siepi radicate sui propri fondi e che causano restringimenti, invasioni e quant’altro possa impedire o limitare la visibilità’ e il transito sulle strade pubbliche confinanti e/o non si trovi a distanza regolamentare dalle stesse, provvedendo allo smaltimento dei relativi sfalci e potature a norma delle leggi vigenti;• Alla pulizia e disalveo dei fossi costeggianti le strade pubbliche, ripristinando le livellette -pendenze originarie, predisponendo le necessarie opere di regimazione, griglie ed attraversamenti idraulici alla confluenza con strade provinciali;• Alla rimozione di alberi, ramaglie e terriccio che possa scorrere sulla sede stradale dai propri fondi per effetto di intemperie o per qualsiasi altra causa;• Ad effettuare le necessarie verifiche di stabilità delle alberature;• Ad adottare tutte le precauzioni e gli accorgimenti atti ad evitare qualsiasi danneggiamento, pericolo o limitazione della sicurezza e della corretta fruibilità' delle strade confinanti con i propri fondi;• Attenersi scrupolosamente alle fasce di rispetto della distanza dalla strada per lo sfruttamento delle aree interessate da colture e piantagioni agricole, ai fini della salvaguardia della sicurezza stradale.• Allo spurgo e pulizia dei fossi e dei canali di scolo delle acque meteoriche, così da favorire il regolare deflusso delle stesse e la loro immissione nei fossi e scarichi principali.  
Tali interventi dovranno successivamente essere ripetuti ciclicamente ogni qualvolta se ne ravvisi la necessità e comunque almeno tre volte l'anno rispettivamente entro la fine dei mesi di Gennaio, Maggio e Settembre".
Visto il sopraggiungere della stagione autunnale, si sollecita la collaborazione degli agricoltori e di tutti i cittadini nel provvedere alle operazioni indicate, rammentando che in evidenti casi di inerzia il Comune potrà provvedere direttamente a far eseguire i lavori a mezzo del proprio personale e/o di ditte specializzate, ponendo le spese a carico degli inadempienti. Le trasgressioni all'Ordinanza sono soggette a sanzioni amministrative pecuniarie a norma delle vigenti disposizioni di legge, lasciando impregiudicato, qualora se ne ravvisi la fondatezza, l’esercizio dell’azione penale.

Pubblicato il 
Aggiornato il